Cameron Highlands


L’ultimo tratto della strada da Malacca a Cameron Highlands, piena di curve e tornanti, è più impegnativa del previsto. Oltretutto il tempo non ci aiuta, visto che piove. E capiamo che non dev’essere poi così inusuale da queste parti: la quantità di verde che ci circonda è impressionante!

In attesa delle tappe nella natura più selvaggia malese (le Isole Perhentian e la giungla del Borneo), la visita alle piantagioni di the delle Cameron Highlands ci ha costretti a un piccolo tour de force in auto in questi primi giorni di vacanza. Ma non le avevo mai viste e mi incuriosivano tantissimo.

In effetti il paesaggio di Cameron Highlands è stupendo, e alla fine sono contenta di esserci stata. Un po’ di aria fresca di montagna, inoltre, può essere un toccasana, soprattutto se siete reduci da diversi giorni di asfissiante caldo-umido malese. Se però volete prendervela un po’ più comoda, come ho già spiegato qui, questa tappa è forse quella che eliminerei con meno dispiacere.

Il nostro hotel

Abbiamo soggiornato una notte a Tanah Rata, presso il Century Pines Resort (prenotato su Booking, 57€, colazione inclusa), uno di quei grossi hotel che una ventina d’anni fa erano sicuramente di categoria “lusso” e che oggi sono solo appariscenti e molto vintage. Niente di eccezionale e in Malesia abbiamo soggiornato in camere (e soprattutto bagni) dello stesso livello spendendo meno. Comunque una buona soluzione, e per solo una notte va più che bene.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quanto costa un viaggio in Malesia

La visita alle piantagioni

Le piantagioni di the di Cameron Highlands si possono visitare: ci sono sentieri da percorrere autonomamente a piedi. Anzi, ho visto che in zona partono dei veri a propri percorsi di trekking, da fare con la giusta attrezzatura e, ovviamente, col giusto tempo a disposizione. Per il dettaglio, vi rimando, come sempre, alla Lonely Planet.

Noi avevamo solo un pomeriggio e ci siamo diretti in una delle più famose piantagioni di cameron Highlands, quella del The BOH, un’istituzione in Malesia. Lasciata la macchina al parcheggio, quando abbiamo intrapreso il sentiero che portava alla fabbrica, per fortuna i nostri ponchos proteggevano noi e i nostri zaini dalla pioggerellina che non ci ha abbandonato nemmeno per un secondo. Gli arbusti di the crescono rigogliosi sui pendii collinari e sono “tagliati” da una fitta rete di piccoli sentieri che ne permettono la (accuratissima) cura e manutenzione. Facciamo un po’ di shopping nel negozio, beviamo una tazza di the (ovviamente!) sulla bellissima terrazza e ci godiamo il panorama di  Cameron Highlands in tranquillità, prima di far rientro in hotel.

Tanah Rata

La “vita” di Tanah Rata è praticamente tutta concentrata sotto i portici a lato della strada principale. Andiamo a piedi. Scegliamo un ristorantino che ci ispira e diamo un’occhiata ai negozietti. Non c’è molto da fare. Bene così. A letto presto che domani ci attende una tappa bella impegnativa: esploreremo l’antichissima foresta pluviale del Parco nazionale di Taman Negara, il più vasto e famoso della Malesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.